Attività internazionale dei docenti

I docenti della Facoltà sono impegnati in molte attività di docenza e ricerca a livello internazionale, che spesso contribuiscono ad arricchire i contenuti delle lezioni.

 

Di seguito sono riportati alcuni esempi.

 

La prof.ssa Elisabetta Grande  insegna sistemi giuridici comparati e dedica particolare attenzione, oltre che al mondo giuridico africano, a quello anglo-americano. Mantiene in particolare un rapporto costante con il Mali, Africa, dove, in collaborazione con le Università di Torino e di Bamako, ha realizzato a fini didattici un documentario, recentemente trasmesso anche dalla televisione francese sul canale France Outremer.

Negli Stati Uniti svolge regolarmente le sue ricerche ed è stata negli anni visiting scholar presso le Università di Yale, Berkeley School of Law e U.C.Hastings. In costante dialogo con la comparatistica d’oltre oceano, da cui riceve un riconoscimento formale nel 2000 con il premio Yntema per il miglior articolo apparso sull’American Journal of Comparative Law, Elisabetta Grande mantiene un rapporto di collaborazione non soltanto con i giuristi d’oltre oceano, ma allarga nel tempo i suoi interessi scientifici all’antropologia giuridica e instaura uno stretto dialogo scientifico con Laura Nader, voce fra le più autorevoli a livello mondiale della disciplina e professore al dipartimento di antropologia di Berkeley, USA.

I lavori di Elisabetta Grande di antropologia giuridica, anche in collaborazione con Laura Nader, di procedura penale statunitense e comparata, quelli relativi al diritto penale d’oltre oceano (per es. Il terzo strike, La prigione in America, Sellerio 2007) e, da ultimo, al diritto che negli USA nega al povero ogni diritto, rappresentano il frutto di quella continua comunicazione scientifica.

 

Il prof. Roberto Mazzola è anche Visiting Professor presso la Faculté de Droit & Economie Jean Monnet – Université Paris-Sud XI e presso l’ Institut Catholique de Paris e fa parte del corpo docente del Progetto “Gratianus”- Si tratta di un programma interuniversitario europeo di formazione dottorale in diritto canonico ed ecclesiastico ideato da docenti di differenti Università europee alla vigilia dell’entrata in vigore di Maastricht. Il corso ha durata semestrale (novembre-aprile) ed è formalmente riconosciuto dall’ufficio Erasmus/Socrates di Bruxelles. Esso si svolge a Parigi, Presso la Facoltà di Giurisprudenza di Paris XI e l’Institut Catholique. La finalità del corso sta nell’offrire ai frequentanti conoscenze spendibili non solo nell’ambito della ricerca relativa alle politiche concernenti i rapporti fra stato e organizzazioni religiose, ma anche nei settori della avvocatura e nel campo del diritto comunitario e internazionale. Al progetto hanno aderito più Università europee: Università di Paris XI, l’Università di Paris II, l’Università Cattolica di Milano, l’Università di Firenze, L’Università Cattolica di Lovanio, l’Università di Tubinga, L’Università Complutense di Madrid, l’Università di Alcalà-Madrid, L’Università di Salonicco, L’Università di Cardiff, L’Università del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro”.

 

La prof. Elisa Mongiano  è  professeur invité all'Université Paris Descartes (Paris V) per l’a.a. 2010-2011 dove svolgerà lezioni in alcuni dei corsi afferenti al settore della Storia del diritto. Con la medesima Università, a partire dal corrente anno accademico, è stato attivato, per iniziativa degli storici del diritto, un programma di scambio docenti nell’ambito del programma di mobilità Socrates Erasmus, in prospettiva si pensa di estendere lo scambio anche agli studenti. Si sta organizzando la venuta per il prossimo mese di marzo di una Collega francese, da parte nostra sarebbe preventivata l’andata in date ancora da definirsi.

Fa parte della Société d’Histoire du Droit e in quanto membro della Société, terrà una conferenza, nell’ambito delle iniziative promosse dalla medesima, il prossimo 15 gennaio presso la Faculté de droit dell’’Université Panthéon-Assas (Paris II) sul tema: «Entre droit écrit et coutumes: le douaire dans les Etats de Savoie (XVIe-XVIIIIe siècle)». Université de Nice Sophia-Antipolis Partecipazione con attività di ricerca e interventi a seminari e convegni al progetto PRIDAES (Programme de Recherche des Anciens Etats de Savoie), promosso dalla Faculté de Droit, des Sciences politiques, économiques et de gestion e dal Centre Maryse Carlin d’Histoire du droit. Nell’ambito del ciclo di conferenze promosse dall’Université e dalla Mairie de Nice sul tema: «Des Etats de Savoie à l’unité italienne», terrà una conferenza a Nizza il 14 maggio 2011 sul principio di nazionalità nel processo di unificazione italiana. Anche con l’Università di Nizza esiste da tempo un accordo per la mobilità docenti Socrates. Si Segnala che al progetto PRIDAES partecipano pure i Colleghi F.Aimerito e F.A.Goria, mentre F.Aimerito è stato nominato, sempre per il corrente anno accademico, professeur invité presso la Faculté de droit dell’Université de Toulouse.

 

 

Il prof. Marco Novarese è direttore del progetto NEP (New Economic Papers) http://nep.repec.org/. Si tratta di un servizio gratuito che informa sui nuovi articoli di economia (suddivisi per aree tematiche) scaricabili dal web (http://nep.repec.org/). Ogni settimana, l'iscritto ad una delle mailing list, riceve un elenco di nuovi lavori disponibili in rete, relativi ad un particolare settore di ricerca. Gli articoli considerati sono quelli inseriti su REPEC (http://repec.org/), il più grosso archivio digitale on line. Il servizio funziona in questo modo: singoli ricercatori, dipartimenti e istituzioni inseriscono su REPEC i propri working papers rendendoli così disponibili in quella che è a tutti gli effetti una libreria specializzata.

Il sito è nato oltre dieci anni fa e comprende 250.000 articoli, inseriti da 10.250 istituzioni (tra cui tutti i principali dipartimenti ed enti di ricerca internazionali), e 13.000 studiosi.

Ogni persona e ogni ente iscritti su REPEC hanno la propria pagina, con il materiale inserito e con le statistiche di download. Settimanalmente, i nuovi articoli inseriti in questo archivio, entrano in un elenco dal quale si creano le varie liste tematiche di NEP, inviate a oltre 48.500 iscritti.

 

Il prof. Salvatore Rizzello è membro del Council dell’European Society of the History of Economic Thought (Eshet).

E’ stato segretario del network Human reasoning and decision making della European Science Foundation, visiting professor al Max Planck Institute di Jena (Germania) e all’Universitè Jean Monnet a Saint-Etienne (Francia) e visiting scholar alla London School of Economics. Collabora regolarmente in qualità di referee con le case editrici internazionli Routledge, Edward Elgar, Luiss University Press e con le riviste Review of Austrian Economics, Economics Systems, Rivista di Politica Economica, Economics of Innovation and New Technology, Review of Political Economy, Journal of Bioeconomics, Constitutional Political Economy, Institutions and Economic Development, Journal des Economists et des Etudes Humaines, The European Journal of the History of Economic Thought, Institutions and Economic Development, Journal of institutional economics e Mind and Society, di cui è stato per molti anni Assistant Editor.

 

Il dott. Vito Rubino fa parte dell'Associacciòn Iberoamericana para el Derecho Alimentario (AIBADA) con sede in Madrid e Buenos Aires. E' inoltre membro del Consejo Asesor del Centro Europeo para el Derecho del Consumo (CEEUDECO) con sede in Barcellona- Bruxelles -Madrid.

 

Il prof. Massimo Vogliotti , prima del suo ritorno in Italia con il programma “Rientro dei cervelli” (ottobre 2002), ha svolto, dall’a.a. 1995/96, attività di studio e di ricerca presso l’Académie européenne de théorie du droit di Bruxelles, dove ha seguito il Master in Legal Theory e, successivamente, ha tenuto per tre anni un seminario di Filosofia del diritto nell’ambito di detto Master. In Belgio ha tenuto altresì un corso di 30 ore di “Théorie du droit” presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Université Libre de Bruxelles (a.a. 2001/02) e un corso di 45 ore di “Introduction à la pensée juridique contemporaine”, presso le Facultés Universitaires Saint-Louis di Bruxelles. Nell’a.a. 2010/11 è “professeur invité” presso l’Université Catholique de Louvain, dove ha tenuto un modulo di 8 ore di insegnamento nell’ambito del corso di “Droit pénal comparé”.
Dal 1999 fa parte della redazione scientifica della rivista Droit & Société di cui è corrispondente per l’Italia dal marzo 2011. Dal 2006 è membro della rivista Les cahiers de la justice, foglio dell’École Nationale de la Magistrature della Francia.
Dal 2009 partecipa, in rappresentanza della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università del Piemonte Orientale, al progetto internazionale triennale “JUSTMEN. Menu for Justice. Toward a European Curriculum Studiorum on Judicial Studies”, promosso dall’Università di Bologna (coordinatori C. Guarnieri e D. Piana) e finanziato dalla Commissione europea (Lifelong Learning Programme – Erasmus Academic Network).
Fa parte delle commissioni di valutazione dei progetti FNRS del Belgio per l’anno 2010.