Scuola Forense "Giorgio Ambrosoli"

La Scuola di formazione forense “Giorgio Ambrosoli” (costituita nell’a.a.2009/2010) si ispira ad una filosofia di forte sinergia fra mondi universitario e forense. Lo scopo è duplice: educare fin dai primi anni del corso di laurea gli studenti di Giurisprudenza alla cultura della avvocatura e delle professioni legali e nel contempo offrire una preparazione più adeguata per il superamento dell’esame che abilita all’esercizio della professione forense.
Per queste ragioni la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università del Piemonte Orientale ed i Consigli degli Ordini degli Avvocati di Alessandria, Acqui Terme, Casale Monferrato e Tortona collaborano alla sperimentazione, nuova a livello nazionale, di una didattica ispirata al principio di “compartecipazione”. La Facoltà di Giurisprudenza in forma strutturata e sistematica apre le porte al mondo degli operatori del diritto (avvocati, magistrati, notai) che partecipano in modo stabile alla didattica e, viceversa, gli operatori del diritto si avvalgono della Accademia per assicurarsi un continuo e costante aggiornamento.
La Scuola forense, articolata in due anni, consente di coniugare pertanto i profili teorici a quelli più squisitamente pratico-professionali, affrontando una serie di argomenti generalmente non esaminati dalle tradizioni scuole forensi.
La Scuola opera principalmente in due spazi: universitario e forense.
Al suo esordio, ha registrato una buona adesione di laureati in termini quantitativi e qualitativi.
A fronte del versamento di una rata annuale, i servizi offerti sono molteplici: lezioni frontali di 4 ore (il pomeriggio del venerdì) si alternano ad esercitazioni (guidate esclusivamenete da avvocati) che si tengono il sabato mattina.
Il primo anno si svolge principalmente nelle aule della Facoltà di Giurisprudenza e del Dipartimento di Scienze giuridiche e economiche. Il secondo, più a vocazione pratica, si sviluppa principalmente negli spazi messi a disposizione dagli ordini forensi.
Sono altresì attivati un corso di perfezionamento dell’inglese giuridico tenuto da docenti di linguamadre ed un seminario diretto all’acquisizione delle tecniche di comunicazione: dalle più elementari a quelle più sofisticate; la partecipazione è aperta tanto ai praticanti quanto agli avvocati iscritti ai quattro Ordini.
Infine, è previsto che un Allievo meritevole partecipi alla visita alle Istituzioni europee di Strasburgo (organizzata dalla Scuola superiore dell’Avvocatura) che, nel 2010, avverrà in occasione della discussione del “caso Giuliani”avanti la Gran Camera.